Payday loans
Sabato, 18 Nov, 2017
Home
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Chi siamo PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 17 Ottobre 2009 11:11

piazzadelpopoloL’odierno assetto organizzativo del Ministero dell’Istruzione è il risultato di un processo di rinnovamento e di trasformazione, volto alla realizzazione dell’autonomia scolastica nell’ambito di un sistema nazionale unitario dell’istruzione, che si inserisce in un più generale percorso di riorganizzazione amministrativa, normativa attuale di riferimento.

L’Ufficio Studi e Programmazione afferisce all’area per il sostegno e supporto alla ricerca educativa e alla didattica, in relazione all’autonomia scolastica, come previsto dall’art. 26, comma 8, della legge 23.12.1998, n. 448, il quale prevede che l’Amministrazione Scolastica Centrale e Periferica possa avvalersi, per i compiti connessi all’attuazione dell’autonomia scolastica, dell’opera di dirigenti scolastici e di docenti forniti di adeguati titoli culturali, scientifici e professionali.

Direttiva del Ministro prot. n. 7551 del 7.9.2006, assegnati nuovi compiti agli USP nel quadro delle competenze previste dall’art. 8, comma 6 del D.P.R. 319/2003, compiti dell’Ufficio Scolastico Provinciale.

L'ufficio studi è a disposizione delle istituzioni scolastiche in via continuativa attraverso e-mail  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Responsabile dell’Ufficio Studi e Programmazione è il seguente:

  • Dott.ssa Simona Flammini
  • email  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
  • Telefono ufficio
    0736-251046
    Fax ufficio
    0736-262775


In sintesi l’ufficio studi e programmazione, ha competenza in riferimento alle seguenti materie:

a)  sostegno e supporto alla ricerca educativa e alla didattica , in relazione all’attuazione dell’autonomia:

  1.        supporto alla pianificazione dell’offerta formativa, con particolare riferimento ai processi di innovazione in atto,
  2.        iniziative di continuità tra i vari gradi di scuola,
  3.        organizzazione flessibile del tempo scuola,
  4.        formazione e aggiornamento del personale,
  5.        innovazione didattica, progetti di valutazione e qualità della formazione,
  6.        progetti di carattere internazionale,
  7.        attività di orientamento,
  8.        attuazione del diritto-dovere all’istruzione e all’istruzione e formazione professionale

b)  sostegno e supporto per l’attuazione dell’autonomia nel territorio, ai processi organizzativi e valutativi dell’autonomia scolastica fra gli altri:

  1.        documentazione, consulenza, iniziative di sportello, monitoraggio, valutazione

c)  raccordi interistituzionali

  1.        alternanza scuola - lavoro,
  2.        esperienze formative e stage,
  3.        istruzione e formazione superiore integrata,
  4.        rapporti col territorio. 
Ultimo aggiornamento Giovedì 14 Gennaio 2010 09:02